Olio di Jojoba: Usi, Storia, Benefici ed effetti collaterali

olio di jojoba

L’olio di jojoba  è il liquido prodotto nel seme della Simmondsia chinensis ( jojoba vegetale), un arbusto , originario del sud della California , e nord-ovest del Messico . L’ olio rappresenta circa il 50% del seme di jojoba in peso. I termini “olio di jojoba” e “cera di jojoba” sono spesso usati in modo alternato perché la cera sembra visivamente un olio mobile, ma come cera è composta quasi interamente (~ 97%) di mono-esteri di acidi grassi a catena lunga e alcoli, accompagnati solo da una piccola frazione di esteri dei trigliceridi . Questa composizione spiega la sua estrema stabilità di conservazione e la straordinaria resistenza alle alte temperature, rispetto ai veri oli vegetali.

Storia dell’Olio di Jojoba

I nativi americani hanno estratto l’olio dai semi di jojoba per curare piaghe e ferite. La raccolta e la lavorazione del seme da supporti naturali hanno segnato l’inizio della produzione di jojoba nei primi anni ’70.

Nel 1943, le risorse naturali degli Stati Uniti, compreso l’olio di jojoba, furono utilizzate durante la guerra come additivi per l’olio per motori, l’olio per il cambio e per ingranaggi differenziali. Le mitragliatrici sono state lubrificate e mantenute con jojoba.

Aspetto

L’olio di jojoba non raffinato si presenta come un liquido dorato chiaro a temperatura ambiente con un odore che sa leggermente di nocciola. L’olio di jojoba raffinato è incolore e inodore. Il punto di fusione dell’olio di jojoba è di circa 10 ° C e il valore di iodio è di circa 80. L’olio di jojoba è relativamente stabile rispetto agli altri oli vegetali principalmente perché contiene pochi trigliceridi , a differenza della maggior parte degli altri oli vegetali come olio di semi d’uva e olio di cocco. Ha un indice di stabilità ossidativa di circa 60%, il che significa che è più stabile rispetto agli oli di cartamo, Olio di colza , olio di mandorle o di squalene, ma meno di olio di ricino e olio di cocco .

Chimica

Proprietà fisiche dell’olio di jojoba
punto di congelamento 7-10,6 ° C
indice di rifrazione 1.4650 a 25 ° C
peso specifico 0,863 a 25 ° C
punto di fumo 195 ° C
punto d’infiammabilità 295 ° C
numero di iodio 82 [8]
viscosità 48 SUS a 99 ° C

127 SUS a 37,8 ° C

indice di viscosità 190-230

Acidi grassi presenti nell’olio di jojoba 

Acido grasso Atomi di carbonio: doppi legami posizioni di doppio legame Percentuale (frazione molare)
Acido palmitico C16: 0 0.3
Acido palmitoleico C16: 1 9 0.3
Acido stearico C18: 0 0.2
Acido oleico C18: 1 9 9.3
Acido arachidico C20: 0
11-acido eicosenoico C20: 1 11 76.7
Acido behenico C22: 0 traccia
Acido erucico C22: 1 13 12.1
Acido lignocerico C24: 0 0.1
Acido Nervonico C24: 1 15 1.0

Il contenuto di acidi grassi dell’olio di Jojoba può variare in modo significativo a seconda del suolo e del clima in cui viene coltivata la pianta, nonché quando viene raccolto e in che modo viene trattato l’olio. In generale contiene un’alta percentuale di acidi grassi monoinsaturi, principalmente acido 11-Eicosenoico (acido gondoico).

Utilizzi dell’Olio di Jojoba

Essendo derivato da una pianta a crescita lenta e difficile da coltivare, l’olio di jojoba viene utilizzato principalmente per applicazioni su piccola scala come quella farmaceutica e cosmetica. Complessivamente è usato come sostituto dell’olio di balena e dei suoi derivati, come l’alcool cetilico . Il divieto di importare olio di balena negli Stati Uniti nel 1971 ha portato alla scoperta che l’olio di jojoba è “per molti aspetti superiore all’olio di capodoglio per applicazioni nei cosmetici e in altre industrie”.

L’olio di jojoba si trova come additivo in molti prodotti cosmetici, specialmente quelli commercializzati come ingredienti naturali. In particolare, tali prodotti comunemente contengono jojoba sono lozioni e creme idratanti , capelli shampoo e balsami . L’olio puro stesso può anche essere usato su pelle, capelli o cuticole.

Come l’olestra , l’olio di jojoba è commestibile ma non calorico e non digeribile, il che significa che l’olio uscirà dall’intestino invariato e può causare una condizione di feci chiamata steatorrea. Contiene inoltre circa il 12,1% di acido grasso erucico che sembra avere effetti tossici sul cuore ad alte dosi (se fosse digeribile).

Sebbene non sia pratico, il biodiesel di jojoba è stato esplorato come combustibile sostenibile che può sostituire il diesel di petrolio.

Potrebbe interessarti:  Spazzola magica B-good: Una soluzione innovativa per rimuovere i peli del tuo amico a 4 zampe.