Melanomi: Cause, Sintomi, Rimedi e Prevenzione

Melanoma

Il melanoma, il tipo più grave di cancro della pelle, si forma nelle cellule (melanociti) che producono melanina, il pigmento che dà colore alla pelle. Il melanoma può manifestarsi anche negli occhi e, raramente, negli organi interni, come l’intestino.

Quali sono le cause dei melanomi?

La causa esatta di tutti i melanomi non è chiara, ma l’esposizione alle radiazioni ultraviolette (UV) dalla luce del sole o da lampade e lettini aumenta il rischio di melanoma. Limitare l’esposizione alle radiazioni UV può aiutare a ridurre il rischio di avere il melanoma.

Il rischio di manifestare melanoma sembra aumentare nelle persone sotto i 40 anni, in particolare le donne. Conoscere i segni premonitori del cancro della pelle può aiutare a garantire che i cambiamenti cancerogeni vengano rilevati e trattati prima che il cancro si diffonda. Il melanoma può essere trattato con successo se rilevato precocemente.

Sintomi

I melanomi possono formare ovunque nel corpo. Più spesso, appaiono in parti esposte al sole, come la schiena, le gambe, le braccia e il viso.

I melanomi possono anche verificarsi in parti che non hanno molta esposizione al sole, come le piante dei piedi, i palmi delle mani e le unghie. Questi melanomi nascosti sono più frequenti nelle persone che hanno la pelle più scura.

I primi segni e sintomi del melanoma sono di solito:

  • Un cambiamento in una talpa esistente
  • La formazione di una nuova pelle pigmentata o dall’aspetto insolito

Il melanoma non sempre inizia come una talpa. Può anche apparire sulla pelle dall’aspetto normale.

Talpe normali

In generale, le talpe normali sono di colore uniforme, come l’abbronzatura, il marrone o il nero e hanno un bordo definito che separa la talpa dalla pelle circostante. Sono ovali o rotondi e sono spesso di diametro inferiore a 1/4 di pollice (circa 6 millimetri) – le dimensioni di una gomma da masticare.

La maggior parte delle persone ha tra 10 e 45 moli. Molti di questi si formano intorno ai 50 anni, anche se l’aspetto delle talpe può cambiare nel tempo, e alcuni possono scomparire con l’età.

Moli insolite che possono indicare la presenza di un melanoma

L’aspetto delle talpe cancerose (maligne) varia molto. Alcuni possono presentare tutte le modifiche sopra menzionate, mentre altri possono avere solo una o due caratteristiche insolite.

Melanomi nascosti

I melanomi possono anche formarsi su parti del corpo che hanno poca o nessuna esposizione al sole, come gli spazi tra le dita dei piedi e sui palmi delle mani, le piante dei piedi, il cuoio capelluto o i genitali. Talvolta questi sono chiamati “melanomi nascosti” perché si verificano in luoghi in cui la maggior parte delle persone non considera di rivedere. Quando si verifica il melanoma nelle persone che hanno la pelle più scura, è più probabile che compaiano in un’area nascosta.

Alcuni dei melanomi nascosti sono:

  • Melanoma sotto un’unghia. Il melanoma lentiginale acrale è un raro tipo di melanoma che può verificarsi sotto un’unghia o un’unghia. Può anche essere trovato sui palmi delle mani o sulla pianta dei piedi. È più comune negli afro-americani e in altre persone che hanno una pigmentazione della pelle più scura.
  • Melanoma in bocca, tratto digestivo, tratto urinario o vagina. Il melanoma mucosale si forma sulla mucosa che riveste il naso, la bocca, l’esofago, l’ano, il tratto urinario e la vagina. I melanomi mucosali sono particolarmente difficili da rilevare perché possono essere confusi con altre malattie, più frequenti.
  • Melanoma negli occhi. Il melanoma dell’occhio, chiamato anche “melanoma oculare”, si verifica più spesso nell’uvea, lo strato sotto la parte bianca dell’occhio (sclera). Un melanoma dell’occhio può causare cambiamenti nella vista e può essere diagnosticato durante un esame oculistico.

Dove si sviluppa il cancro della pelle

Il melanoma si verifica quando qualcosa va storto nelle cellule che producono melanina (melanociti) che colorano la pelle.

Normalmente, le cellule della pelle si sviluppano in modo controllato e ordinato: le nuove cellule sane spingono le cellule più vecchie verso la superficie della pelle, dove muoiono e alla fine cadono. Ma quando alcune cellule mostrano danni al DNA, le nuove cellule possono iniziare a crescere senza controllo e nel tempo possono formare una massa di cellule tumorali.

Ciò che danneggia il DNA nelle cellule della pelle e come questo produce un melanoma non è chiaro. È probabile che una combinazione di fattori, inclusi fattori ambientali e genetici, produca melanoma. Tuttavia, i medici ritengono che l’esposizione alle radiazioni ultraviolette (UV) dal sole e dai lettini e lampade abbronzanti sia la causa principale del melanoma.

La luce UV non causa tutti i melanomi, specialmente quelli che si verificano in luoghi del corpo che non ricevono esposizione alla luce solare. Ciò indica che altri fattori possono intervenire nel rischio di melanoma.

Fattori di rischio

Tra i fattori che possono aumentare il rischio di sofferenza da melanoma sono i seguenti:

  • Pelle chiara Avere meno pigmento (melanina) nella pelle significa che hai meno protezione contro le radiazioni UV nocive. Se hai i capelli biondi o rossi, gli occhi chiari e le lentiggini o brucia facilmente con il sole, è più probabile che tu soffra di melanoma rispetto a qualcuno con la pelle più scura. Ma il melanoma può manifestarsi in persone con carnagioni più scure, compresi ispanici e afro-americani.
  • Storia delle scottature Una o più gravi ustioni con vesciche possono aumentare il rischio di melanoma.
  • Eccessiva esposizione alla luce ultravioletta (UV). L’esposizione alle radiazioni UV, che proviene dal sole e dai lettini abbronzanti e dalle luci, può aumentare il rischio di cancro della pelle, incluso il melanoma.
  • Vivi più vicino all’equatore o ad un’altitudine più elevata. Le persone che vivono più vicino all’equatore terrestre, dove i raggi del sole sono più diretti, sperimentano quantità maggiori di radiazioni UV rispetto a quelli che vivono a latitudini più elevate. Inoltre, se vivi a un’altitudine superiore, sei esposto a più radiazioni UV.
  • Avere molte talpe o talpe insolite. La presenza di più di 50 talpe comuni nel corpo indica un rischio più elevato di melanoma. Inoltre, avere un tipo insolito di talpa aumenta il rischio di melanoma. Conosciuto dal punto di vista medico come “nevi displastici”, tendono ad essere più grandi delle normali talpe e hanno bordi irregolari e una miscela di colori.
  • Storia familiare del melanoma. Se un parente stretto, come un padre, un figlio o un fratello, ha avuto il melanoma, hai anche maggiori probabilità di averlo.
  • Sistema immunitario indebolito Le persone con un sistema immunitario indebolito, come quelli che hanno subito trapianti di organi, hanno un aumentato rischio di cancro della pelle.
Potrebbe interessarti:  Lipidi o grassi: Cosa sono e a cosa servono

Prevenzione

È possibile ridurre il rischio di melanoma e altri tipi di cancro della pelle come segue:

  • Evita il sole durante il mezzogiorno. Per molte persone in Nord America, i raggi del sole sono più forti tra 10 a. m. e il 4 p. m. Programma le attività all’aperto per altri momenti della giornata, anche in inverno o quando il cielo è nuvoloso.

Raggi UV

Durante tutto l’anno assorbono le radiazioni UV e le nuvole offrono poca protezione contro i raggi nocivi. Evitare il sole quando è più forte aiuta ad evitare scottature e abbronzatura che causano danni alla pelle e aumentare il rischio di cancro della pelle. L’esposizione al sole accumulata nel tempo può anche causare il cancro della pelle.

  • Usa la protezione solare tutto l’anno. I filtri solari non filtrano tutte le radiazioni UV dannose, specialmente le radiazioni che il melanoma può causare. Ma svolgono un ruolo importante in un programma generale di protezione solare.

Protezione Solare

Utilizza un ampio spettro di protezione solare che ha un fattore di protezione solare di almeno 15. Applicare la protezione solare liberamente e ri-applicandolo ogni due ore o più spesso se il nuoto o sudorazione. L’American Academy of Dermatology raccomanda l’uso di una crema solare resistente all’acqua ad ampio spettro con un fattore di protezione solare di almeno 30.

  • Indossare indumenti protettivi. I filtri solari non forniscono una protezione completa contro i raggi UV. Pertanto, esso copre la pelle con scura, strettamente intrecciata per proteggere l’utente braccia e gambe capi di abbigliamento, e in largo – cappello a tesa larga, che offre maggiore protezione di un berretto da baseball o visiera.

Alcune aziende vendono anche la crema solare. Il dermatologo può consigliare un marchio adatto.

Non dimenticare gli occhiali da sole. Compra quelli che bloccano entrambi i tipi di radiazioni UV: raggi UVA e UVB.

  • Evitare lampade abbronzanti e lettini. Le lampade abbronzanti e le cabine abbronzanti emettono radiazioni UV e possono aumentare il rischio di cancro della pelle.
  • Sapere che tipo di pelle devi notare le modifiche. Esaminare regolarmente la pelle per verificare la presenza di nuovi grumi o cambiamenti nella pelle su talpe, lentiggini, protuberanze e segni di nascita esistenti.

Con l’aiuto di specchi, controlla viso, collo, orecchie e cuoio capelluto. Esaminare il torace, il tronco e la parte superiore e la parte inferiore delle braccia e delle mani. Esaminare le parti anteriori e posteriori delle gambe e dei piedi, comprese le piante dei piedi e gli spazi tra le dita. Controlla anche l’area genitale e tra i glutei.

Diagnosi

Analisi per l’individuazione del cancro della pelle

Chiedi al tuo medico se dovresti prendere in considerazione uno screening periodico del cancro della pelle. Tu e il tuo dottore potete pensare a opzioni di screening per l’individuazione della malattia, come ad esempio:

  • Esami della pelle eseguiti da un professionista qualificato. Durante un esame della pelle, il medico esegue un’ispezione della pelle di tutto il corpo.
  • Test cutanei che puoi fare a casa. Un autoesame può aiutarti a conoscere talpe, lentiggini e altri segni della pelle che sono normali per te in modo da poter notare eventuali cambiamenti. È meglio stare di fronte a uno specchio a figura intera mentre si utilizza uno specchio a mano per ispezionare aree difficili da vedere. Assicurati di controllare la parte anteriore, posteriore e laterale delle braccia e delle gambe. Inoltre, controlla l’inguine, il cuoio capelluto, i chiodi, le piante dei piedi e gli spazi tra le dita.

Alcune organizzazioni mediche raccomandano regolari esami della pelle da parte del medico e fatti da soli. Altri non raccomandano lo screening per il cancro della pelle perché non è chiaro se salvano vite. Invece, trovare una talpa insolita potrebbe causare una biopsia da eseguire, che, se si scopre che la talpa non è cancerosa, potrebbe causare dolore, ansia e costi inutili. Parlate con il vostro medico di quale test di screening è giusto per voi in base al rischio di cancro della pelle.

Diagnosi di melanoma

A volte il cancro può essere rilevato solo guardando la pelle, ma l’unico modo per diagnosticare il melanoma con precisione è con una biopsia. In questa procedura, viene rimossa una parte o tutta la talpa o una crescita sospetta e un patologo analizza il campione.

Le procedure di biopsia utilizzate per diagnosticare il melanoma sono:

  • Biopsia di puntura Durante una biopsia con puntura, il medico usa uno strumento con una lama circolare. La lama viene premuta contro la pelle che circonda la sospetta talpa e viene rimosso un pezzo di pelle rotondo.
  • Biopsia dell’asportazione. In questa procedura, l’intera talpa o crescita viene rimossa insieme a un piccolo bordo di normale aspetto della pelle.
  • Biopsia dell’incisione. Con una biopsia incisionale, solo la parte più irregolare di una talpa o crescita viene rimossa e analizzata in laboratorio.

Il tipo di procedura di biopsia della pelle che dovrai sottoporti dipende dalla tua situazione. I medici preferiscono usare una biopsia dell’ago o una biopsia escissionale per rimuovere ogni possibile crescita. La biopsia dell’incisione può essere utilizzata quando altre tecniche non possono essere facilmente eseguite, ad esempio se una talpa sospetta è molto grande.

Fasi di melanoma

Se ti viene diagnosticato il melanoma, il passo successivo è determinare lo stadio (stadio) del tumore. Per assegnare un palcoscenico al melanoma che hai, il medico:

  • Determina lo spessore. Lo spessore di un melanoma viene determinato esaminandolo attentamente utilizzando un microscopio e misurandolo con uno strumento speciale (micrometro). Questo spessore aiuta i medici a scegliere un piano di trattamento. In generale, più il tumore è grosso, più grave è la malattia.
  • Vedi se il melanoma si è diffuso. Per determinare se il melanoma si è diffuso ai linfonodi vicini, il chirurgo può raccomandare una procedura chiamata “biopsia del linfonodo sentinella”.
Potrebbe interessarti:  Sali Minerali: cosa sono e come si classificano

Biopsia del linfonodo sentinella

Durante la biopsia del linfonodo sentinella, viene iniettato un colorante nell’area in cui è stato rimosso il melanoma. La tintura fluisce verso i linfonodi vicini. I primi linfonodi che assorbono il colorante vengono rimossi e analizzati per rilevare le cellule tumorali. Se questi primi linfonodi (linfonodo sentinella) non hanno il cancro, c’è una buona probabilità che il melanoma non si è diffuso oltre l’area dove è stato scoperto.

Il cancro può ancora riapparire o diffondersi, anche se i linfonodi sentinella non hanno il cancro.

Altri fattori possono essere utilizzati per determinare l’aggressività di un melanoma, e la formazione di una pelle aperta di tale area o il numero di cellule tumorali che dividono se visto sotto un microscopio ferita.

Le fasi del melanoma sono stabilite dai numeri romani da I a IV. Un melanoma in stadio I è piccolo e ha un tasso di trattamento molto efficace. Tuttavia, maggiore è il numero, minore è la probabilità di un recupero completo. Per la fase IV, il tumore si è diffuso oltre la pelle e ha raggiunto altri organi, come i polmoni o il fegato.

Trattamento

Il miglior trattamento per te dipende dalle dimensioni e dallo stadio del cancro, dalla tua salute generale e dalle tue preferenze personali.

Trattamento dei melanomi nella fase iniziale

Il trattamento dei melanomi nella fase iniziale di solito comporta un intervento chirurgico per rimuovere il melanoma. Un melanoma molto sottile può essere rimosso completamente durante la biopsia, quindi non richiede un trattamento aggiuntivo. Altrimenti, il chirurgo rimuoverà il cancro e anche un normale bordo della pelle e uno strato di tessuto sotto la pelle. Questo può essere l’unico trattamento di cui hanno bisogno per le persone che hanno melanomi nella fase iniziale.

Trattamento dei melanomi che si sono diffusi oltre la pelle

Se il melanoma si è diffuso oltre la pelle, le opzioni di trattamento possono includere:

  • Chirurgia per rimuovere i linfonodi colpiti. Se il melanoma si è diffuso ai linfonodi vicini, il chirurgo può rimuovere quelli che sono stati colpiti. Ulteriori trattamenti possono essere raccomandati prima o dopo l’intervento chirurgico.
  • La chemioterapia. La chemioterapia usa farmaci per uccidere le cellule tumorali. La chemioterapia può essere somministrata per via endovenosa, sotto forma di pillole o entrambe per muoversi in tutto il corpo.

Essa può anche essere somministrata in una vena del braccio o della gamba in una procedura chiamata “perfusione dell’arto isolato”. Durante questa procedura, il sangue dal braccio o dalla gamba non sarà in grado di viaggiare in altre aree del corpo per un breve periodo in modo che i farmaci chemioterapici vadano direttamente nell’area circostante il melanoma e non influenzino altre parti del corpo.

Terapie mirate

  • Radioterapia Questo trattamento utilizza raggi di energia ad alta energia, come i raggi X, per distruggere le cellule tumorali. La radioterapia può essere raccomandata dopo l’intervento chirurgico per rimuovere i linfonodi. A volte, è usato per alleviare i sintomi del melanoma che si è diffuso in un’altra parte del corpo.
  • Terapia biologica La terapia biologica stimola il sistema immunitario per aiutare il corpo a combattere il cancro. Questi trattamenti sono fatti di sostanze prodotte dal corpo o sostanze simili create in un laboratorio. Gli effetti collaterali di questi trattamenti sono simili a quelli dell’influenza: brividi, stanchezza, febbre, mal di testa e dolori muscolari.

terapie biologiche utilizzati per il trattamento del melanoma includono interferone e interleuchina-2, ipilimumab (Yervoy), nivolumab (Opdivo) e pembrolizumab (Keytruda).

  • Terapia mirata La terapia mirata utilizza farmaci progettati per attaccare specifiche vulnerabilità nelle cellule tumorali. Gli effetti collaterali delle terapie mirate variano, ma tendono ad includere problemi di pelle, febbre, brividi e disidratazione.

Vemurafenib (Zelboraf), dabrafenib (Tafinlar) e trametinib (Mekinist) sono farmaci di terapia mirata per il trattamento del melanoma avanzato. Questi farmaci sono efficaci solo se le cellule tumorali hanno una determinata mutazione genetica. Le cellule di melanoma possono essere testate per vedere se questi farmaci possono aiutare.

Quando consultare il medico

Inizia consultando il tuo medico di famiglia o un medico di medicina generale se noti cambiamenti della pelle che ti riguardano. A seconda della situazione e dei risultati delle analisi, si può fare riferimento a un medico specializzato in malattie della pelle (dermatologo) o un medico specializzato nel trattamento del cancro (oncologo).

Poiché le consultazioni possono essere brevi e di solito c’è molto di cui parlare, è consigliabile che ti prepari bene per la consultazione. Le seguenti informazioni ti aiuteranno a preparare e sapere cosa aspettarti dal medico.

Cosa puoi fare?

  • Prendere in considerazione eventuali restrizioni prima della consultazione. Quando pianifichi la consultazione, assicurati di chiedere se c’è qualcosa che dovresti fare in anticipo, come limitare la tua dieta.
  • Registra i sintomi che hai,anche quelli che sembrano non correlati al motivo per cui hai pianificato la query.
  • Fai un elenco di tutti i farmaci,vitamine e integratori che stai assumendo.
  • Chiedi ad un familiare o ad un amico di accompagnarti. A volte può essere difficile ricordare tutte le informazioni fornite durante una consultazione. La persona che ti accompagna può ricordare alcuni dettagli che hai trascurato o dimenticato.

Il tuo tempo con il medico è limitato; pertanto, preparare un elenco di domande può aiutarti a sfruttare al meglio il tuo tempo insieme. Ordina le domande dal più importante al meno importante, nel caso che il tempo scada.

Domande più importanti da porre al medico

  • Ho un melanoma?
  • Quanto è grande?
  • Quanto è profondo?
  • Si estendeva oltre l’area della pelle in cui è stata scoperta per la prima volta?
  • Quali altri test devo fare?
  • Quali sono le mie opzioni di trattamento?
  • Qualche cura può curare il melanoma che ho?
  • Quali sono i possibili effetti collaterali per ogni opzione di trattamento?
  • Pensi che ci sia un trattamento che è giusto per me?
  • Quanto tempo posso prendere per decidere un’opzione di trattamento?
  • Dovrei vedere uno specialista? Quanto costerà? La mia assicurazione lo coprirà?
  • C’è una brochure o altro materiale stampato che può portarmi? Quali siti Web consigliate?
  • Cosa determinerà se dovrei programmare una visita di controllo?

 

Melanomi: Cause, Sintomi, Rimedi e Prevenzione ultima modifica: 2018-06-02T12:52:15+00:00 da Luigi