Fosfatasi alcalina elevata: Cause e soluzioni

Fosfatasi Alcalina Elevata

L’aumento della fosfatasi alcalina nel sangue può indicare la presenza di malattie del fegato o delle ossa, sebbene possa anche aumentare a causa di cause non patologiche. Scopri perché i loro livelli sono alterati e come normalizzarli.

I cambiamenti nella fosfatasi alcalina possono indicare un problema di salute nel fegato o nelle ossa.

Cos’è la Fosfatasi Alcalina?

La fosfatasi alcalina (ALP) è un enzima presente nel corpo – nelle ossa, fegato, rene o dell’intestino, tra gli altri tessuti – che raggiunge livelli di concentrazione più elevati in cellule ossee e del fegato. Il fatto che i livelli di fosfatasi alcalina nel sangue siano più alti del normale può indicare malattie del fegato o delle ossa.

La funzione principale di questo enzima è quella di eliminare gruppi di fosfati presenti in determinati tipi di molecole, come nucleotidi o proteine. E ‘anche essenziale per la sintesi delle proteine ​​nelle cellule e la calcificazione delle ossa e della cartilagine, e quindi nel caso di bambini e adolescenti, la cui struttura ossea è ancora in via di sviluppo, è comune trovare alti livelli di FA senza questo significa un problema di salute.

Il test per misurare la fosfatasi alcalina è richiesto quando una persona mostra sintomi di una malattia del fegato o delle ossa

Se oltre ad essere elevata fosfatasi alcalina, anche la bilirubina , l’ alaninoamino transferasi (ALT o GPT) e l’aspartato aminotransferasi (AST o GOT) , probabilmente il paziente ha un disturbo del fegato . Mentre se i risultati di questi test sono normali, o di calcio e fosfati presentano alterazioni, è molto probabile che l’aumento del livello di fosfatasi alcalina sia dovuto a un problema alle ossa.

Valori normali di fosfatasi alcalina

valori di fosfatasi alcalina ottenuti in un esame del sangue possono variare in base all’età (più elevata nei bambini e negli adolescenti e in quelli sopra i 60), al sesso (livelli leggermente più alti negli uomini), alla gravidanza (fino a tre volte il valore di riferimento per una donna non gravida) e altri fattori correlati alla salute del paziente.

Potrebbe interessarti:  Olio di Jojoba: Usi, Storia, Benefici ed effetti collaterali

Come hanno spiegato i medici “i valori intesi come normali o di riferimento dipendono dal metodo; non esiste un concetto di fino a 300 è normale, o no, ma devi individualizzarli. ” Questo esperto avverte che nel caso della fosfatasi alcalina non è corretto affermare che un valore X è adeguato, ma gli intervalli di riferimento dipendono dal metodo utilizzato da ciascun laboratorio per misurare i loro livelli e devono essere interpretati dallo specialista in funzione delle caratteristiche del paziente e dei valori di altri parametri.

La fosfatasi alcalina può essere elevata a causa di un problema alle ossa o alle articolazioni.

Il test per misurare la fosfatasi alcalina è di solito chiede se una persona sviluppa sintomi di malattia epatica (affaticamento, perdita di peso per nessun motivo, nausea o vomito, ittero,feci pallide o urine scure, gonfiore o dolore addominale …) o di osso (osso o dolori articolari, fratture frequenti …), e serve anche per verificare se il trattamento della malattia che ha causato l’aumento della FA è rivelando efficace.

Perché i livelli di fosfatasi alcalina sono alterati

Le principali cause o condizioni che possono causare un aumento dei livelli normali di FA nel sangue (elevata fosfatasi alcalina) sono:

  • Lo sviluppo delle ossa o un aumento dell’attività delle cellule ossee.
  • Problemi di salute delle ossa come il cancro alle ossa, il morbo di Paget , l’ osteomalacia …
  • D carenza di vitamina .
  • Malattie epatiche ( cirrosi , epatite , fegato grasso …) o vescicole biliare, o ostruzione dei dotti biliari .
  • Altre patologie come colite ulcerosa , linfoma di Hodgkin, sarcoidosi , iperparatiroidismo, mononucleosi , alcune infezioni batteriche o insufficienza cardiacacongestizia.
  • Gravidanza: la placenta produce fosfatasi alcalina ed è normale che i suoi livelli aumentino durante la gravidanza, specialmente durante le prime settimane e nel terzo trimestre.
  • L’alcolismo .
  • Durante il processo di recupero di una frattura ossea.
  • Consumo di alcuni farmaci, come alcuni antiepilettici, antinfiammatori, antidepressivi …

La situazione opposta, una diminuzione dei livelli di FA ( bassa fosfatasi alcalina ), può verificarsi per vari motivi quali:

  • Insufficienza di zinco , magnesio o proteine .
  • Malnutrizione.
  • Ritarda la crescita se l’interessato è un bambino.
  • Patologie come l’ipofosfatasia (un problema di metabolismo osseo di origine genetica e molto raro) o la malattia di Wilson .
  • La sua concentrazione scende anche temporaneamente dopo aver subito una trasfusione di sangue o bypass cardiaco.
Potrebbe interessarti:  Toxoplasmosi: Cause, Sintomi e come prevenirla

Come abbassare i livelli di fosfatasi alcalina

Se i risultati dell’analisi del sangue indicano che i valori di FA sono più alti del normale per l’età e le caratteristiche dell’individuo, è essenziale scoprire la causa, perché potrebbe essere un segno che ha una malattia del fegato o delle ossa, o un ostruzione delle vie biliari dovuta a calcoli biliari – una ragione molto frequente per un aumento della FA. Il trattamento della malattia che ha causato l’aumento della fosfatasi alcalina nel sangue è l’unico modo per ridurre i loro livelli. La normalizzazione di questo enzima, dice il dott. Buño, dipende dal trattamento corretto della causa che causa la sua alterazione. E la stessa raccomandazione si applica quando la FA è inferiore a quella raccomandata.

Un esame del sangue può avvisarti che i valori di fosfatasi alcalina sono più alti del normale.

Nel caso in cui l’aumento dei livelli di AF sia associato al consumo di alcuni farmaci che il paziente deve assumere per controllare altre patologie, il suo medico dovrebbe valutare il beneficio del rischio del trattamento e sostituire tali farmaci con altri che non hanno questi effetti quando possibile

Inoltre, i cambiamenti nello stile di vita e nella dieta che supportano il trattamento della malattia di base possono aiutare a ridurre i livelli di fibrillazione atriale, ma in questo caso seguire anche le indicazioni dello specialista.